Il trattamento con allineatori apre interessanti orizzonti nelle terapie ortodontiche. Oggi si parla di
ortodonzia invisibile per descrivere il cambiamento di paradigma rappresentato da questa opzione rispetto
all’uso dei tradizionali apparecchi.
Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori” di Paola Cozza, con Roberta Lione e Chiara Pavoni,* esito della collaborazione con la Scuola di Specializzazione di Ortognatodonzia dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, vuole essere il riferimento per gli ortodontisti che intendono avvicinarsi alla terapia con allineatori, fornendo un manuale chiaro e univoco, con protocolli facili da applicare e da seguire.

*e con Valerio Brunelli, Elisabetta Cretella Lombardo, Francesca Gazzani e Saveria Loberto.

Si parla di: Allineatori – Terapia ortodontica con allineatori – Invisalign – Ortodonzia con allineatori – Ortodonzia invisibile – Allineatori trasparenti – Ortodonzia invisibile nel paziente in crescita – Ortodonzia e allineatori

SFOGLIA IL LIBRO
Gli autori hanno selezionato le pagine più rappresentative dei contenuti del libro, qui proposte gratuitamente. Clicca sulla pagina per iniziare a sfogliare.

Guarda la video-presentazione

Gli schemi di terapia

Questo testo è uno strumento essenziale per tutti i clinici, dai principianti ai più esperti, che necessitano di una guida e di suggerimenti per apprendere e adottare la tecnica con allineatori. I contenuti, insieme alle immagini cliniche, forniscono ai lettori un diagramma di flusso esaustivo che inizia dalla diagnosi, esamina il piano di trattamento programmato attraverso l’utilizzo di strumenti di simulazione 3D fino alla visualizzazione dei risultati pianificati.
Ha come obiettivo specifico quello illustrare schemi di terapia ortodontica semplici da comprendere e facili da applicare, nel paziente in crescita e nel paziente adulto.

In questo testo potrete approfondire:

  • Concetti di biomeccanica degli allineatori, descritti nel dettaglio per fornire la piena comprensione delle proprietà tecniche e il
    meccanismo d’azione del dispositivo attraverso l’applicazione dei sistemi di forze che determinano i movimenti dentali.
  • Correzione delle più comuni malocclusioni nel paziente in crescita e nell’adulto
  • Descrizione delle diverse strategie terapeutiche e suggerimenti per la pratica clinica.

Un “sillabo” di tecnica ortodontica pratico da consultare, dedicato a chi sceglie di intraprendere un nuovo percorso di formazione per il trattamento ortodontico delle malocclusioni con allineatori.

Trattamento Intercettivo in dentizione mista

In questo capitolo sono descritte le condizioni specifiche in cui è presente l’indicazione al trattamento intercettivo e quali sono le procedure e le tecniche di prevenzione e correzione che possono evitare lo sviluppo di una malocclusione.
Sono illustrati inoltre gli obiettivi sia a lungo che a breve termine legati alla necessità di alleviare immediatamente la patologia e stabilire la normalità occlusale e funzionale per il futuro.

Avanzamento Mandibolare nelle Malocclusioni di Classe II

In questo capitolo è descritta la terapia funzionale di avanzamento mandibolare eseguita con allineatori e in particolare il meccanismo di correzione della mandibola, sia sagittalmente che verticalmente, realizzato attraverso la stimolazione della crescita del ramo e del condilo mandibolari che originano un incremento supplementare di lunghezza mandibolare.
Sono delineate schematicamente tutte le fasi da seguire per il raggiungimento stabile della correzione.

Risoluzione dell’Affollamento

Questo capitolo descrive il trattamento dell’affollamento dentale a partire dalla sua eziologia e attraverso la descrizione approfondita delle diverse forme cliniche, guida l’ortodontista alla scelta dell’opzione terapeutica e della sequenza di trattamento più corrette.

Riduzione Interprossimale Dello Smalto (IPR) come ausilio alla terapia con allineatori

Questo capitolo, pensato come una piccola guida alla corretta applicazione della procedura, illustra la pratica comunemente utilizzata in ortodonzia dello “stripping” ossia della riduzione controllata di smalto (0,3-0,5 mm per ogni punto di contatto) a livello delle superfici interprossimali dei denti con conseguente diminuzione del diametro mesiodistale e guadagno di spazio in arcata.